Sirai - MondoStoria

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Sirai

Siti Archeologici > Sardegna

Comune e provincia:
Carbonia (Ci)
Tipologia:
Sito Archeologico
Utilizzo:
Città
Civiltà:
Punici



Storia:
Data la posizione eccellente del territorio, il sito è stato meta d’insediamento fin dall’età neolitica. Alcune torri nuragiche testimoniano infatti una vita intensa fin dalla prima metà del II millennio a.C. Le prime testimonianze fenicie risalgono al 750 a.C. circa, quando anche le altre città della Sardegna cominciano a presentarne le prime tracce. L’abitato si struttura intorno al cosiddetto mastio, luogo sacro oggetto di diverse ristrutturazioni, forse con funzione difensiva. Il ritrovamento di una statua della dea Astarte (oggi al Museo Nazionale di Cagliari), rinvenuta nel 1964, confermerebbe un utilizzo di tipo religioso.L’abitato risente della conquista cartaginese nel VI secolo a.C., con lo stanziamento di una dozzina di famiglie di origine nord-africana, deducibile dalla presenza di altrettante sepolture di tipo punico a ipogeo. La cinta muraria viene rafforzata intorno al 370 a.C., periodo in cui s’impianta il primo tofet locale. Un successivo restauro delle fortificazioni e del mastio si ha all’indomani della prima guerra punica; sotto il dominio romano vennero smantellate tutte le strutture militari principali. Intorno al 110 a.C. il sito viene inspiegabilmente abbandonato: ulteriori frequentazioni sono testimoniate da alcune monete costantiniane trovate nel sacello del tofet.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu