Paolo Caccia Dominioni - MondoStoria

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Paolo Caccia Dominioni

Biografie

Paolo Caccia Dominioni, conte di Sillavengo, naque a Nerviano, in provincia di Milano, il 14 maggio 1896 e morì a Roma il 12 agosto 1992. Studente al Politecnico di Milano, al momento dell'intervento dell'Italia nella prima guerra mondiale, appena diciannovenne, si arruolò volontario e fu nominato tenente del genio. Nel 1920 si laureò in ingegneria e stabilì un proprio studio al Cairo dove lavorò fino al 1935. Al principio della guerra italo-etiopica fu richiamato come ufficiale del servizio informazioni, col grado di capitano. Prese poi parte alla seconda guerra mondiale come maggiore del genio guastatori e ne comandò il 31° battaglione, che combatté in prima linea quasi tutte le principali battaglie della campagna del Nordafrica, distinguendosi particolarmente a el-Alamein. Al momento dell'armistizio dell'8 settembre, Caccia Dominioni si trovava ad Asiago e si unì alla Resistenza, divenendo poi comandante del Corpo volontari della libertà di Milano. Nel 1944 fu catturato dalle SS e condannato a morte, ma fu salvato all'ultimo momento per intervento del generale Rommel in persona. Dopo la fine della guerra tornò in Egitto, dove riaprì il suo vecchio studio da ingegnere, al solo scopo di stare nei pressi di el-Alamein, e si dedicò al pietoso compito di cercare, identificare e dare sepoltura alle salme dei caduti (italiani, britannici e tedeschi). Non fu un compito facile: il teatro della battaglia era ancora disseminato di mine e ci sarebbero voluti molti anni prima che l'area fosse bonificata. Sette beduini che lo aiutavano morirono a causa di esplosioni. Quando il compito fu terminato, Caccia Dominioni progettò e costruì il sacrario militare di el-Alamein. Nel corso della sua carriera militare fu ferito due volte e decorato con tre medaglie al valor militare e una croce di guerra. Caccia Dominioni è ricordato non solo come un valoroso soldato, ma anche come autore di importanti testimonianze sulle sue esperienze belliche nei tre conflitti ai quali prese parte. Fu anche ingegnere e architetto di fama e apprezzato pittore e illustratore.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu