Lidi - MondoStoria

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Lidi

Storia > Storia antica > La Penisola Anatolica

Dal VII sec. a.C. possediamo le attestazioni del popolo dei Lidi, nella regione occidentale dell'Anatolia, verso l'Egeo. Le iscrizioni nella loro lingua sono scarse. Essi approfittarono della disgregazione del regno di Frigia per acquistare l'indipendenza e rafforzare il loro regno. A differenza dei Frigi sembrano autoctoni.
Nel 685 a.C. Gige, divenuto re con un colpo di stato, si alleò col re assiro Assurbanipal dichiarandosi suo vassallo, per ricevere aiuto contro nemici interni. Gige fondò la dinastia dei Mermnadi durata fino al VI sec. a.C.
I testi assiri parlano di Gugu re di Ludu alleatosi con Assurbanipal per liberare il suo territorio dai Cimmeri. In seguito però Gige si alleò con Psammetico i e gli inviò truppe mercenarie per aiutarlo a liberare l'Egitto dalla dominazione assira. Ad una nuova invasione dei Cimmeri la Lidia si trovò così senza l'appoggio degli Assiri e la capitale Sardi fu presa dai nemici. Gige morì in battaglia (653 a.C.). Il figlio Ardys si riaccostò all'Assiria.

L'iniziatore della potenza Lidia fu Aliatte che, durante il suo lungo regno, allargò i confini dello stato a gran parte dell'Anatolia occidentale, combattendo contro i Cimmeri, che sconfisse definitivamente, e contro le colonie greche della lonia. Aliatte si scontrò anche con i Medi durante il regno di Ciassarre, in ripetuti combattimenti dall'esito alterno. In seguito, per intervento anche del re di Cilicia e di Nabucodonosor di Babilonia, fu conclusa la pace. Il confine fu stabilito al fiume Halys.
Ultimo re di Lidia fu Creso, che completò la conquista della Ionia con la presa di Efeso e Mileto. Ma i problemi venivano da oriente: Astiage, alleato di Creso, era stato vinto dal persiano Ciro.
Creso si alleò con Nabonedo di Babilonia e con Amasi d'Egitto contro il comune nemico e lo attaccò. Lo scontro ebbe esito incerto e Creso inseguito da Ciro fu vinto, presso Sardi. Il re persiano espugnò la città (546 a.C.) catturò il sovrano lidio e annetté la Lidia all'impero persiano.
I Lidi furono famosi cavalieri, commercianti e banchieri e viene loro attribuita l'invenzione della moneta, dovuta assai probabilmente all'abbondanza di oro nella regione.
Le divinità principali del pantheon lidio erano Artimu (la greca Artemide), Dioniso (venerato coma Bacco), la Dea madre, Zeus e Men (dio luna a cavallo).


 
Torna ai contenuti | Torna al menu