Le Signorie Italiane - MondoStoria

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Le Signorie Italiane

Storia > Storia medievale

Nella seconda metà del XIII sec. quasi ovunque gli ordinamenti comunali si trasformarono in signorie, cioè l'effettivo esercizio del potere passò nelle mani di un solo individuo (il dominus o signore) che inizialmente fu il rappresentante delle forze borghesi che si erano affermate vittoriosamente. Il passaggio al regime signorile si attuò diversamente nelle varie realtà cittadine italiane e in alcune non rappresentò che un episodio saltuario.
Milano
Dopo la battaglia di Cortenuova a Milano si affermò Pagano della Torre, feudatario appartenente a una famiglia da tempo residente nella città. L'arcivescovo Ottone Visconti, che guidava l'opposizione nobiliare ghibellina, sconfisse i Della Torre in battaglia nel 1277 e si fece proclamare signore. Il nipote Matteo estese i domini milanesi al Monferrato aprendo nuove possibilità ai mercanti e agli artigiani e trasformando Milano in una grande città manifatturiera e commerciale. Il potere fu ripreso dai Della Torre nel 1302 e i Visconti lo riconquistarono stabilmente nel 1329.

Firenze
Nel XIII sec. Firenze era uno dei maggiori centri economici italiani ed europei i cui mercanti esercitavano soprattutto il commercio della lana ma erano spesso impegnati anche in attività bancarie (nel 1252 fu coniato il fiorino d'oro, che si affermò come moneta per i mercati internazionali). In campo amministrativo assunse importanza sempre maggiore la borghesia delle arti (vi erano 7 arti maggiori, 5 medie e 9 minori). Nel 1282 si costituì il governo dei Priori delle arti, formato da sei priori che affiancarono e poi sostituirono i magistrati precedenti. Nel 1292 gli Ordinamenti di giustizia
, voluti da Giano della Bella, esclusero i magnati dal governo riservando le magistrature e i consigli solo agli appartenenti alle arti minori o mediane. In seguito fu concesso ai magnati di partecipare all'amministrazione cittadina purché si iscrivessero a un'arte (fu il caso di Dante Alighieri che si iscrisse all'arte dei medici e speziali). Tra il XIII e il XIV sec. i regimi signorili furono soltanto transitori, diversamente da quanto avverrà con la famiglia Medici nel XV sec.
Venezia
Diversamente che a Firenze, a Venezia le arti non ebbero mai funzione politica; inoltre non era mai esistita nemmeno una nobiltà feudale che potesse contrastare i mercanti. Il problema dei mercanti veneziani fu quello di limitare i poteri del doge, il magistrato di origine bizantina, e nello stesso tempo di impedire l'ascesa di nuove classi. Dopo aver creato organi che limitavano il potere del doge ed eliminato l'assemblea popolare, nel 1297 (la cosiddetta “serrata del Maggior Consiglio”) fu stabilito che potessero fare parte del Maggior Consiglio (l'organo che dal 1172 eleggeva il doge e aveva funzioni legislative) solo coloro che vi avevano fatto parte negli ultimi 4 anni o appartenessero a famiglie i cui membri ne avessero fatto parte (l'aggregazione di nuove famiglie fu permessa secondo rigide norme di procedura). Due tentativi di instaurare la Signoria furono facilmente stroncati e si istituì il “Consiglio dei Dieci”, col compito di prevenire ogni attentato all'oligarchia.
Altre Signorie
Nelle altre città italiane alcune Signorie si formarono su base podestarile, altre come vicariato imperiale, altre ancora per dedizione a un signore forestiero. Le principali sorsero a Verona (Della Scala), a Padova (da Carrara), a Ferrara (d'Este), a Mantova (Gonzaga), a Treviso (da Camino), a Ravenna (da Polenta), a Urbino (da Montefeltro).

 
Torna ai contenuti | Torna al menu