Harold Alexander - MondoStoria

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Harold Alexander

Biografie

Harold R.L.G. Alexander nacque a Londra il 10 dicembre 1891, da una famiglia di origini aristocratiche ma senza particolari legami al mondo militare. Precocemente attratto dall'arte, entrò a Sandhurst solo per esigenze di status, uscendone nel 1911 con una commission nel prestigioso reggimento della Guardia irlandese (Irish Guards), senza tuttavia alcuna intenzione di far carriera nell'ambiente. Lo scoppio del primo conflitto mondiale ne modificò, però, le ambizioni. Giunto in Francia nell'agosto 1914 vi rimase sino a buona parte del 1919, facendo rapidamente carriera; (capitano nel febbraio 1915; maggiore e acting commander del primo battaglione del suo reggimento in ottobre; tenente colonnello e comandante del secondo battaglione un anno dopo; acting brigadier general e comandante della 4° brigata della Guardia nel marzo del '19), venendo due volte ferito e meritandosi fra l'altro una Military Cross (1915) e un Distinguished Service Order (1916). Nel corso del conflitto si mise particolarmente in luce per il coraggio personale, l'imperturbabilita e le capacita di leadership. Il termine della guerra non vide, quindi, it termine del suo servizio attivo. Dopo un periodo trascorso con le forze di occupazione in Germania, riusci infatti a ottenere un trasferimento, dapprima in Polonia, quindi in Lettonia, nel periodo convulso della guerra contro le agguerrite forze sovietiche. In seguito al riconoscimento dell'indipendenza della repubblica baltica, trascorse un breve periodo in patria come vicecomandante del suo reggimento, trasferendosi quindi con questo, nel 1922, a Costantinopoli (come parte della forza di occupazione), quindi a Gibilterra. Nel periodo 1926-1927 frequentò i corsi dello Staff College e nel 1930 quelli dell'Imperial War College. Fra il 1931 e il 1934 ricopri gli unici due incarichi di staff della sua carriera (presso il War Office, fra il 1931 e il 1932, e presso il Comando settentrionale, fra il 1932 e il 1934), ben presto lasciati per assumere ( in India ) il comando della Nowshera Brigade, con la quale fu impegnato nelle campagne di Loc Agra (1935) e contro i Mohmand. Promosso maggiore generale nel 1937, l'anno successivo assunse il comando della 1° divisione ad Aldershot. Fu con questa che, nel 1939, sbarcò in Francia, difendendo con successo la linea della Schelda e coprendo la ritirata delle forze britanniche a Dunquerque. Al rientro in patria fu confermato comandante del 1° Corpo d'armata (incarico assunto provvisoriamente durante la permanenza in Francia) con la responsabilita della difesa della costa orientale fra Scarborough e Wash. Successivamente (1940), sostitui Auchinleck al vertice del Comando meridionale, prima di essere nominato, nel febbraio 1942, comandante delle forze britanniche in Birmania. Dopo la caduta di Rangoon riusci ( con molta fortuna ) a sfuggire alla cattura e a ricondurre in India almeno parte delle truppe poste ai suoi ordini. Nell'agosto successivo assunse, infine, comando in capo delle forze britanniche in Medio Oriente e in Nordafrica, presto impegnate sul fronte di el-Alamein. Nel febbraio 1943, fu nominato vicecomandante in capo delle forze Alleate, e comandante generale del 18° Army Group, qualifica con la quale fu responsabile del successo alleato in Tunisia (maggio 1943). Come comandante del 15° Army Group (Settima Armata USA e Ottava Armata britannica) partecipò quindi all'invasione della Sicilia (10 giugno 1943) e alla campagna d'Italia. Nonostante le critiche che gli fruttò la scelta di arrestare l'avanzata dei reparti statunitensi per favorire quella delle forze di Montgomery, le valutazioni positive fornite del suo operato gli valsero, il 4 giugno 1944, la nomina a Field Marshal e, il 12 dicembre successivo, quella a comandante in campo del teatro mediterraneo, incarico nel quale succedette a sir Maitland Wilson. Al termine del conflitto fu nominato governatore generale del Canada e, nel 1952, ministro della Difesa. Nell'autunno 1954 si dimise anche da questo incarico, continuando, comunque, fino alla morte (avvenuta per arresto cardiaco il 16 luglio 1969), a dedicarsi a un'intensa attivita pubblica.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu