Franz Halder - MondoStoria

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Franz Halder

Biografie

FRANZ HALDER nacque a Würzburg, in Baviera, il 30 giugno 1884, in una famiglia di tradizioni militari molto radicate. Nel 1902, dopo aver ottenuto il diploma liceale, entrò nell'esercito come allievo ufficiale, venendo inviato a far parte del 3° reggimento di artiglieria di Monaco, il reparto in cui i membri della sua famiglia avevano prestato servizio. Promosso al grado di sottotenente nel 1904, tra il 1906 e il 1914 frequentò la scuola di artiglieria di Monaco e, di seguito, l'accademia di guerra nella stessa città. Nel corso della prima guerra mondiale ebbe vari incarichi di ufficiale di stato maggiore (svolti, tra l'altro, presso divisioni di fanteria e di cavalleria, e infine presso il comando del Gruppo d'armate del principe Rupprecht), passando dal grado di tenente, ottenuto nel 1915, a quello di capitano. Al termine del conflitto Franz Halder entrò nella Reichswehr e fu destinato al Ministero della guerra della Repubblica di Weimar (Reichswehrministerium), dove dalla fine del 1919 guidò la sezione addestramento. In seguito, tra il 1920 e il 1929. resse diversi incarichi di comando (comando territoriale di Monaco, istruttore di tattica presso la VII regione militare [Wehrkreis], comandante di una batteria di artiglieria da montagna e infine capo della sezione operazioni della VII regione militare), passando dal grado di maggiore a quello di tenente colonnello. Nell'ottobre 1929 Halder venne nuovamente trasferito alla sezione addestramento del Reichswehrministerium, e due anni dopo venne promosso al grado di colonnello. Tra il 1931 e il 1934 Franz Halder divenne capo di stato maggiore della VI regione militare, per poi passare ( dopo la promozione a Generalmajor, avvenuta il primo ottobre 1934 ) al comando della 7° divisione di fanteria a Monaco. Promosso Generalleutnant (generale di divisione) nel 1936. Halder venne nuovamente trasferito al Reichskriegsministerium con l'incarico di organizzare le manovre della Wehrmacht del 1937, al termine delle quali venne posto al comando della sezione addestramento dello stato maggiore dell'esercito, incarico che lasciò nel febbraio 1938 per assumere il comando della sezione operazioni. Promosso General der Artillerie (generale di Corpo d'armata) il primo febbraio 1938, il primo settembre dello stesso anno sostituì il generale Ludwig Beck, rimosso per la sua opposizione a Hitler, nella carica di capo di stato maggiore dell'esercito, incarico che resse fino al 24 settembre 1942, dopo essere stato promosso Generaloberst (generale d'armata) il 19 luglio 1940, giorno in cui Hitler promosse tutti i generali che avevano partecipato alla vittoriosa campagna contro la Francia. Lo stesso Halder, come anche il comandante in capo dell'esercito tedesco, il generale Walther von Brauchitsch, non nascose mai la sua avversione nei confronti di Hitler, tanto che nel 1938 si dichiarò addirittura disponibile ad appoggiare un colpo di stato contro di lui, atto che avrebbe dovuto impedire lo scoppio della guerra. Nonostante ciò egli si sentì sempre vincolato dal suo giuramento di fedeltà, e dopo la soluzione della crisi cecoslovacca operò attivamente nello studio e nella pianificazione della condotta della guerra. Dimessosi a seguito dei contrasti con Hitler circa la prosecuzione delle operazioni a Stalingrado, Halder venne arrestato dopo l'attentato del 20 luglio 1944, e fu in seguito liberato dagli americani. Morì il 2 aprile 1972 ad Aschau, nella Baviera settentrionale.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu